itsmf-gennaio-2019

itSMF history and future look

The beginnings and the history path

To better describe itSMF and its territorial commitment to advocate, discuss, collate, advise and shape professionals in the IT sector, transmitting them the right mix of culture and knowledge to face the future challenges, it is useful to start to tell the story and evolution over time since the beginnings.

itSMF Switzerland is non-profit association grounded in 1998 as national chapter of itSMF, the only association worldwide recognized since 1991 by the OGC (Office of Government Commerce in the UK) and after by Axelos, committed to improving the quality management of IT services through the diffusion of a worldwide virtual community of professionals, widely distributed in the various countries.

itsmf-gennaio-2019

The past needs and trends put the emphasis on the life cycle of IT services itselves; the events and activities focused mainly on the importance to rule the processes, consolidate the informations, to define a clear and outlined structure of IT roles and competences at organizational level to increase the level of maturity to bring IT function to be aligned with the business.


The present and the future path

Nowadays the paradigm is almost changed: the IT function, thus the governance of IT, has to respond to a greater and more pressing demand for speed of execution and realization of artefacts (a usable portion of software and infrastructure), resilience to changes in requirements and adoption of a hyper-collaborative working approach; for these reasons, events and activities now are focused in the IT value chain, practical implementations guide and culture proposition to provide quality products and services able to reach the most valuable business competitiveness.

This disrupting change of demands is leaded by digital revolution and time to market, for these reasons IT Service Management and IT governance are no more related to IT function and board of directors only, but deal with any decision making corporate figure of every role and department which shall interact with processes being digitizing.

The need of automation, usage of artificial intelligence of machines, simplifying the decisional steps and orchestrate the working and processes flows are hard to absorb but essential to metabolise first of all by human resources; the most important processes actors, who are asked to adopt this disruptive and hyper-collaborative working approach.

itSMF evolution brought to refine over time the adoption of methodologies in project management field, service lifecycle, processes, resiliency to security threats and proactivity to manage risks to guide the enterprises to better use the information and digital technologies as strategic lever of growth.

 

itSMF philosophy and vision

The philosophy spins around these key concepts:

★ dialog and discussion
★ continuous improvement
★ expertise and training

The local communities propagation allows us to adopt a common and all-encompassing language that facilitates and inspires strategic decisions in one coherent and widely shared direction

itSMF vision spins around the practical and productive approach according to axiom
Enterprise ⇒ issue ⇒ comparison ⇒ solution ⇒ operation

obtained with simple and direct language in order to explain complex concepts in a responsive way.
This is the future of IT Governance; the main glue role between corporate goals and the digital world with its technologies, which are the means to achieve them.

Because being affiliate and sponsor
In the future meetings itSMF will show its engagement, the topics path to face with, its value chain, the modern framework, tools and best practices, a new way to communicate able to reach out all the different stakeholders.
The upcoming scheduled topics are:

  • Cyber Security & Compliance, GDPR e la nuova LDP
  • Round table over topics voted and proposed by community
  • A course to obtain PDU and CPE to preserve the PMI and ISACA certifications
  • IT governance in the Cloud era
  • DevOps and ITIL for Agile PM and team collaboration

Axelos, to whom we are inspired, provide ITIL as a framework for Service Management, Prince2 for Project Management and adoption to Agile Project Management, Resilia to be resilient to the Cyber threats. Our competence and knowledge is able to map and integrate the Axelos different methodologies in a functional way with each others like ISO/IEC 27000, 20000, ISACA Cobit, PMI PMBoK, ScrumAlliance, DevOps, VeriSM, IT4IT, Lean, Kanban.

Join to itSMF, which worldwide collates more than 6’000 companies and 40’000 members, enable you to free attend events and seminars, workshop and round tables at discounted price, unlimited access to publications and documentation, case studies, subscription facilities to training courses and certification paths.

ItSMF won’t be a simple disseminator but rather an aggregator in order to link professionals to enterprises, solutions to ordinary problems to obtain a real benefit after using IT governance and Service Management best practices.

The correct aggregator role creates the ideal market conditions for a natural and targeted marketing through the comparison and sharing of topics, opinions and experiences, different approaches to methodologies application.
Supporting this territorial working group consolidation leads companies to propose themselves in an innovative way, to choose and to be chosen as ideal partners.

 

itSMF proper value chain

Our value chain identifying services:
- Acknowledgment

Transfer all the best practices knowledge and doctrines in the IT services management life cycle and IT governance area with more perspectives, both internally oriented to IT staff and especially to managers and business managers who have a decision-making role.

We use seminars, workshops and our social channels up to careful market research and authoritative proposals from partners and sponsors that help us identify the solutions that companies are asking for

- Comparison
Our blog acts as first level comparison, always on and the natural source of interesting point of views to extend the topics perspective. It created the good conditions to propose new trendy and interesting future look.
Comparison begins from the bottom of our community, made up by professionals, partners and affiliated we use to give voice. Everyone could propose an ordinary topic or issue to face off, e.g. quality standard, fulfill a new compliance or simply the needs to improve a service performance due to updated enterprise requirements.
Round tables are the best situation to propose ordinary problems, exchange opinions and assumptions, give a chance to all the participants and moderators to be prepared to provide an active contribution to the problems the proposers expect.
To the meetings take part the companies leaders and challengers of the majors territorial economic sectors.

- Consulting
Our sponsor and partners help us to support on the territory the companies they ask for a practical solution to their needs.

We always try to capture carefully the environmental factors to better understand how to adapt the practical approaches, methodologies and frameworks / tools according to specific objectives.

We propose and recommend the right tools to better integrate, orchestrate and simplify the adoption of IT processes previously discussed.

Our advisory concept ranges from the strategic support to the management to align the IT area, to drive the business change to innovations and suggest professional profiles and competences in the ITSM field for specific IT needs.

Our expert judgment is competent and impartial to approve and validate your innovation processes through IT services.

- Training
Usually shown at the beginning of the value chain, we put the training just at the end because of everyone should understand before the issues, realize the challenges they involves, the objectives, the companies need to adopt the IT Service Management and IT Governance practices. Facing day by day with the real problems and being involved by expert consultants to find out byself that their level of training have to be improved and certified to be better aligned and spent.

itSMF involves the professional network of partner and sponsor training experts to instill the culture of "knowledge by how to do" with training and certification courses able to cover all the specific needs.

Beside the training courses accredited to certifications, we also organize advanced courses and seminars to transfer specific knowledge on required topics.

We identify on this an present and future important step able to push their professionals growth and companies together with them.

Autore: Andrea Cherubini


it management switzerland

Cos’è la IT governance e ITSM?

Spesso tendiamo a dare le definizioni e le spiegazioni dei concetti di base all’inizio di un percorso (di vita, formativo, professionale, etc…) e poi durante il cammino le assunzioni, le convinzioni e talvolta le certezze ci fanno credere che ciò sia assodato, consolidato e chiaro a tutti, fermo poi scoprire che questo non è affatto vero per cui tali concetti andrebbero ripetuti più volte nel tempo, se possibile chiariti ancora meglio ed in modo più pratico.
Da un lato va considerato che l’esperienza del cammino ci permette di acquisire una maggiore coscienza e saggezza in grado di migliorare la condizione iniziale, e dall’altro i riscontri ed i quesiti che otteniamo indietro ci servono per capire se e quali concetti non sono ancora ben chiari a tutti perché sono concepiti e metabolizzati da una base di conoscenze ed esperienze pregresse differenti.

Che cos’è la governance IT, dunque?
it-governance-switzerland
Il cuore contenutistico di itSMF ruota attorno alla discussione e divulgazione dei concetti di IT Governance ed IT Service Management, ma che cosa sono? Sono tra di loro relazionati? E come?
Partirei da dove praticamente tutti oggigiorno possono facilmente e velocemente documentarsi senza avere delle competenze più o meno certificare pregresse: Wikipedia.

Vi premetto che in questo caso la base di partenza è già di per sé buona [n.d.r.]:
«IT Governance, o governo dell’IT nella forma italiana, si intende quel sottoinsieme del governo di impresa (l’insieme generale delle regole che disciplinano la direzione e la gestione di ogni impresa) che si occupa di gestire la funzione IT aziendale (che eroga servizi IT banalmente attraverso tutti i suoi “sistemi” informatizzati) nella direzione di allinearla alle finalità aziendali e di gestire efficacemente tutti i rischi ad essa associati»
Una delle attività chiave di analisi è l’IT Audit, revisione IT nella forma italiana, che permette di fotografare la situazione attuale per definire tutte le criticità ed avviare le attività per ottenere la situazione desiderata.

La letteratura offre due altre importanti definizioni di IT Governance:
✔una dell’IT Governance Institute: «è parte integrante della governance aziendale, di responsabilità diretta del consiglio di amministrazione e del management esecutivo, ed è costituita dalla direzione, struttura organizzativa e dai processi in grado di assicurare che la funzione IT sostenga ed estenda gli obiettivi e le strategie dell'organizzazione.»
✔una di ISACA (Information Systems Audit and Control Association, i creatori di Cobit n.d.r.) «la capacità organizzativa e la responsabilità esercitata dalla direzione aziendale, dai manager esecutivi e dai manager IT di assicurare la formulazione ed il controllo di una strategia IT in grado di assicurare un’integrazione tra business ed IT».

I principali obiettivi e finalità sono:
👉assicurare che gli investimenti IT generino valore per l’azienda
👉assicurare la gestione e la mitigazione dei rischi IT associati

Questi obiettivi dipendono dalla realizzazione di una struttura organizzativa aziendale con ruoli e responsabilità ben definiti e da una gestione ottimale di tutte le risorse: processi e risorse umane (i principali attori dei processi), dati, infrastruttura, software ed applicazioni.

In sostanza la IT Governance si preoccupa di determinare la direzione aziendale strategica attraverso la definizione di tutti i bisogni aziendali e di prendere decisioni in merito agli sforzi da intraprendere per raggiungere gli obiettivi aziendali ed allineare gli obiettivi IT al loro raggiungimento.

Che cos’è l’IT Service Management?
it management switzerland

Prima di fornire alcune definizioni in merito è importante introdurre il concetto centrico “everything as a service”, apparso nella letteratura IT per definire inizialmente gli approcci ed i modelli di Cloud Computing ma che è stato subito sdoganato in quanto pienamente identificabile anche in ambienti privati e locali aziendali cosiddetti “on-premise”, dove la funzione IT è di fatto sempre e comunque legata all’erogazione di servizi seppur in modalità a volte meno strutturata e formalizzata.
La funzione IT fornisce un insieme di servizi e di conseguenza prima di focalizzarsi sulla tecnologia, deve prima di tutto considerare la qualità dei servizi che eroga (attraverso la tecnologia) e la relazione con il “cliente” finale.
Per questo si può asserire che ITSM ha una logica di servizio totalmente agnostico e disaccoppiato dalla tecnologia.

Ecco una prima definizione molto letteraria, tratta da Wikipedia e leggermente perfezionata: L'IT Service Management (o gestione dei servizi IT, abbreviato in ITSM) è una disciplina che si occupa di pianificare, progettare, realizzare, mettere in funzione e controllare i servizi IT offerti agli utenti/clienti attraverso uno schema definito di processi, diretti da policies (decisioni aziendali), e procedure con una logica di miglioramento continuo».

ITIL assieme alla definizione di ITSM fornisce la definizione di servizio:
«Un servizio è il mezzo che permette ad un’organizzazione, assumendosi i costi ed i rischi iniziali, di fornire valore ai clienti attraverso la facilitazione dell’ottenimento dei risultati prefissati.»
E quindi ITSM: «La gestione dei servizi è un insieme di capacità organizzative specializzate a fornire valore ai clienti/utenti sotto forma di servizi.»

Per concludere, seppur apparentemente più concisa, ITIL fornisce un bella definizione di ITSM con una visione più centrica e di business dell’IT, con uno sguardo più rivolto ai fruitori dei servizi ed all’esterno e meno all’interno della funzione IT stessa e del suo ciclo di vita.

Come si relazionano tra loro?

In realtà IT Governance ed ITSM sono strettamente correlati tra loro esattamente come la visione e la strategia si relazionano con la tattica e l’operatività.
Se la visione dà l’idea di quale direzione un’azienda vuole intraprendere o il risultato che vorrebbe ottenere, la strategia è l’insieme dei piani decisionali aziendali che permetteranno di realizzare la visione, mentre la tattica raccoglie tutte le azioni e le attività tangibili attuate per mettere in pratica la strategia nella direzione della visione.
In questo senso IT Governance è la strategia mentre IT Service Management ingloba tutte le azioni tattiche per attuare la strategia attraverso il ciclo di vita dei servizi.

 

Autore: Andrea Cherubini

 


digital-it-trasformations-itismf

IT4IT est-il meilleur que ITIL?


Avant de répondre à cette question, il est nécessaire de comprendre l’origine du framework IT4IT et ses principales composantes.

IT4IT est porté par l’Open group et plus particulièrement le IT4IT forum. Cette organisation est composée de professionnel aussi bien de l’édition du logiciel que du consulting et des utilisateurs.


La structure principale d’IT4IT est composée de 4 values streams et d’activités de support :

  • Strategy to Portfolio (S2P) : les objectifs sont de définir les objectifs, d’aligner la roadmap de l’IT avec celle du business, rationaliser le portfolio des services, son architecture, gérer la demande et sélectionner les services.
  • Requirement to Deploy (R2D) : les objectifs sont de valider les spécifications fonctionnelles, techniques et les standards, suivre les développements, le versionning, assurer le bon déroulement des tests et préparer les déploiements et son impact  sur la base des configurations et de la knowledge.
  • Request to fulfill (R2F) : il s’agit de valider le prix des services, d’organiser leur consommation par les utilisateurs, gérer les souscriptions et mettre en place les outils de mesures.
  • Detect to Correct (D2C) : les objectifs sont de suivre la production dans la détection des anomalies, leur diagnostic, leur modification et leur résolution.

 

Dans les activités de support, on retrouve la gouvernance, la finance, le légal, etc.

IT4IT propose une représentation de l’architecture mise en place afin de supporter les services. Les 5 niveaux permettent ainsi une abstraction du plus générique et agnostique à la structure des solutions des fournisseurs.


En comparant le processus d’ITIL V3 d’incident avec le composant IT4IT incident, ce dernier est décrit au travers de sa fonction, des données qui le compose et des intéractions qu’il doit avoir avec les autres composants. Tandis qu’ITIL décrit un processus avec des activités, des inputs et des outputs.


On peut donc finalement conclure qu’IT4IT se focalise sur le business de l’IT tandis qu’ITIL est tourné sur les utilisateurs Business, que le premier est décrit au travers des data objects et des composants tandis que l’autre propose un ensemble de processus. Quant à savoir si l’un est meilleur que l’autre, il est surtout important que l’un comme l’autre doit permettre aux services informatiques de s’améliorer, de se professionnaliser pour devenir de plus en plus efficient afin de répondre aux attentes des utilisateurs. Et l’un et l’autre permette une vue différente des services mis en place


Auteur: Sebastién Martin


Is IT4IT better than ITIL?


Before answering this question, it is necessary to understand the origin of the IT4IT framework and its main components.

IT4IT is supported by the Open Group and more specifically the IT4IT forum. This organization is made up of professional software editing as well as consulting and end users.

 

The main structure of IT4IT consists of 4 value streams and support activities:

  • Strategy to Portfolio (S2P): The objectives are to define the objectives, to align the IT roadmap with that of the business, to rationalize the services portfolio, its architecture, to manage the demand and to select the services.
  • Requirement to Deploy (R2D): The objectives are to validate functional, technical specifications and standards, monitor developments, versioning, ensure the smooth running of tests and prepare deployments and its impact on the basis of configurations and the knowledge.
  • Request to fulfill (R2F): this involves validating the price of services, organizing their consumption by users, managing subscriptions and setting up measurement tools.
  • Detect to Correct (D2C): the objectives are to follow the production in the detection of anomalies, their diagnosis, their modification and their resolution.

 

In supporting activities, we find governance, finance, law, etc.

IT4IT proposes a representation of the architecture put in place to support the services. The 5 levels thus allow an abstraction of the most generic and agnostic to the structure of the suppliers' solutions.

 

By comparing the ITIL V3 incident process with the incident IT4IT component, the latter is described through its function, the data that composes it and the interactions it must have with the other components. While IITI describes a process with activities, inputs and outputs.

We can therefore finally conclude that ITIT focuses on the IT business while ITIL is focused on Business users, the former is described through data objects and components while the other proposes a set of process. As to whether one is better than the other, it is especially important that both should allow IT departments to improve, become more professional and become more efficient in meeting user expectations.

And both allow a different view of the services put in place.

Author: Sebastién Martin


about us itsmf switzerland information technology manthea.ch_

itSMF partecipa all’evento sulla Cyber Security

Lo scorso martedì 11 Dicembre, itSMF ha partecipato all’evento sulla Cyber Security a Lugano, precisamente all’Hotel Dante, dove sono stati affrontati vari aspetti legati alla misurazione della vulnerabilità umana ed aziendale attraverso un tipico e comune attacco di tipo Social Engineering, perpetrato dai cyber-criminali, che può facilmente scalare dal phishing sino al pieno possesso del computer e dell’infrastruttura informatica, eludendo i vari sistemi aziendali di prevenzione e di controllo della sicurezza attiva e passiva.


E’ una classica situazione di pericolo a cui molte aziende risultano ancora vulnerabili, per questo i responsabili e gestori della sicurezza informatica in primis, della governance e compliance aziendale, senza omettere le risorse umane nella collaborazione a sensibilizzare il personale verso una loro corretta consapevolezza ed adeguata formazione, devono poter comprendere e “misurare” attentamente per trovarsi in grado di poter far fronte all’accadimento.


E’ un evento che culmina con una simulazione di live hacking ed è molto finalizzato al doppio filone causa-effetto e relativo impatto ma con un’attenta riflessione sulla consapevolezza e capacità di saper analizzare queste tipologie di rischio per poter essere gestite con il giusto livello di gravità e priorità al fine di prendere preventivamente ed attivamente delle efficaci contromisure.


Ogni efficace contromisura non è derivata da un’azione spontanea intrapresa operativamente senza un’analisi ed un concordato aziendale ma da una politica di governance aziendale finalizzata allo specifico obiettivo che abbia valutato gli investimenti necessari a mitigare la tipologia di rischio.

 

L’invito è corroborato a consolidare il rapporto di partnership tra itSMF e le aziende leader nel territorio con specifiche e certificate competenze negli ambiti toccati dalla IT governance e dal Service Management per poter definire quei processi aziendali naturali di tipo top-down per la gestione ottimale dei servizi IT, sempre più importanti e coinvolti direttamente nel core business.

 

Autore: Andrea Cherubini


Le novità di itSMF in Ticino: una visione più ampia dell’IT

Lo scorso 20 Novembre, all’Hotel Dante di Lugano ha avuto luogo l’evento sul futuro della governance IT nel territorio al cospetto di un pubblico numeroso.

C’è soddisfazione per i partecipanti intervenuti sia da un punto di vista numerico, considerando anche una data ed un periodo denso di eventi, che da un punto di vista di tipologia di figure professionali ed aziende intervenute.

Oltre all’intervento del presidente Andrea Cherubini, che ha tracciato il percorso di itSMF del passato e del futuro sul territorio, denso di attività e tematiche, si sono susseguiti gli interventi dei relatori Sebastién Martin, ospite di eccezione intervenuto da Ginevra in qualità di ex-presidente di itSMF di lunga data ed IT Service Manager alla Richemont, che ha introdotto il nuovo framework architetturale IT4IT, il nuovo standard coniato dall’Open Group per la moderna gestione del business IT attraverso il modello di gestione dei servizi.


L’ultimo intervento è stato da parte di Omar Terzi, di professione consulente aziendale e docente alla SUPSI di strategia, che ha dato prova delle sue capacità di intrattenere il pubblico con uno speech molto interattivo ed espressivo parlando delle strategie e del linguaggio di comunicazione da adottare in azienda per trasmettere i cambiamenti agli attori in modo positivo partendo dall’analisi e dalla conoscenza dei differenti stati della mente e del pensiero umano.

Con quest’ultimo intervento, itSMF vuole in particolare portare l’esperienza e la competenza di esperti nel proporre e parlare in modo semplice e diretto, uscendo dagli schemi dello “slang IT” per raggiungere l’obiettivo sul territorio di allargare l’interesse ad una platea più ampia possibile di figure professionali, che sempre più saranno esterne al binomio «funzione IT - direzione generale».

Il cambiamento che la rivoluzione digitale porterà, non va letto «velocemente» come una rivoluzione delle vecchie mansioni e come una sostituzione delle figure professionali con le intelligenze cosiddette artificiali ma «lentamente» attraverso la percezione che le aziende hanno il reale bisogno di evolversi nel mercato e di dover velocizzare ed automatizzare attività ripetitive e tendenzialmente con un basso apporto decisionale, liberando le risorse umane per concentrarsi e profilarsi su altre attività di più alto contributo strategico.

Il percorso di itSMF sul territorio è incentrato sulla catena del valore dell’associazione:
divulgazione
confronto
consulenza
formazione

il quale si sviluppa attraverso la storia, la filosofia, gli obiettivi e le linee guida con la quale itSMF vuole proporre le proprie tematiche e le attività per affrontare in modo pratico e diretto le tante sfide che il settore digitale, sempre in grande fermento, sta portando con sé.

 

Il nuovo standard IT4IT, uno degli strumenti di lavoro da poco ufficializzato nella sua versione finale assieme ai percorsi di certificazione, ha come obiettivo quello di fornire un modello architetturale dei servizi IT per poter sviluppare il business attraverso i servizi IT in un contesto multi-vendor e multi-cloud service model, e di sviluppo agile e DevOps.
Questa visione dell’Open Group ha spinto dal canto suo la stessa Axelos ad allineare la nuova versione di ITIL v4 che sarà rilasciata nel primo quadrimestre del 2019.
Anche se le dinamiche tra Axelos ed Open Group non sono connesse è tuttavia apprezzabile notare che la nuova versione di ITIL vedrà l’aggiunta al modello di servizi IT delle guide pratiche di implementazione e di adattamento al moderno contesto IT di sviluppo e gestione infrastruttura: agile, DevOps, containerizzazione, microservizi e cloud multi-model e multi-vendor.
IT4IT meglio di ITIL?
Un’altro strumento che si unisce ad ISO/IEC 20000, ITIL, e VeriSM ma che alla fine si limita a dare una visione apparentemente diversa della funzione IT e del modello di gestione dei propri servizi?

La risposta non è la comparazione in sé degli strumenti ma la tendenza ad adattare i diversi  modelli di servizi IT alle nuove sfide ed esigenze del settore.

 

Nella nostra pagina Facebook e Linkedin trovate alcune immagini ed highlights dell’evento.

 

 

Andrea Cherubini
President | itSMF Switzerland

www.itsmf.ch


Passato, presente e futuro di itSMF

Le origini e la sua storia


Per descrivere itSMF ed il suo impegno territoriale a divulgare, confrontarsi, consigliare e formare i professionisti del settore IT, trasmettendo loro il giusto mix di cultura e conoscenze per affrontare le sfide del futuro, è utile soffermarsi per raccontare la sua storia ed evoluzione nel tempo.

itSMF Svizzera è un’associazione no-profit attiva nel 1998, capitolo nazionale di itSMFi, l’unica associazione riconosciuta dal 1991 a livello mondiale dal OGC (Office of Government Commerce in UK) prima e da Axelos dopo, impegnata a migliorare la gestione della qualità dei servizi informatici attraverso la diffusione di una comunità virtuale mondiale di professionisti, distribuita capillarmente nei vari paesi.

Nel passato l’esigenza e la richiesta ponevano l’accento sul ciclo di vita dei servizi IT in sé; gli eventi e le attività erano concentrate sull’importanza dei processi, sul consolidamento delle informazioni, nella definizione di una chiara e delineata struttura dei ruoli e delle competenze delle figure IT a livello organizzativo per far crescere il livello di maturità all’interno delle aziende ed ottenere una funzione IT allineata con il business.

 

L’evoluzione ed il presente


Oggi, e sempre più nel futuro, il paradigma è cambiato: la funzione IT, e quindi il governo dell’informatica devono rispondere ad una maggiore e pressante richiesta di velocità di esecuzione e di realizzazione degli artefatti, di adattamento e resilienza ai cambiamenti delle specifiche, adozione di un approccio iper collaborativo delle varie figure IT; per questi motivi l’accento degli eventi e delle attività si è spostato nella catena di valore IT che viene attraversata per fornire prodotti e servizi di qualità e che spinge a concentrarsi primariamente su quelle attività che portano valore e quindi competitività.
A richiederlo in particolare sono le sfide della rivoluzione digitale e del «time to market», per  questo la gestione dei servizi IT (IT Service Management) e della Governance IT non sono più problematiche relegate solo ai team IT ed alla direzione aziendale ma abbracciano ogni figura aziendale che ha un potere decisionale al suo interno e che deve interagire con i vari processi in via di digitalizzazione.
La necessità di automatizzare, affidarsi all’intelligenza artificiale delle macchine, di semplificare gli step decisionali ed orchestrare tutti i flussi di lavoro o processi sono difficili ma essenziali da metabolizzare, soprattutto tra le risorse umane, che sono la parte importante degli attori dei processi, a cui viene chiesto di adottare un approccio fortemente orchestrato e collaborativo.

 

L’evoluzione di itSMF ha portato quindi ad affinare nel tempo l’adattamento delle migliori metodologie di lavoro nella gestione di progetti, ciclo di vita dei servizi informatici, processi, resilienza alle minacce di sicurezza e proattività nella gestione dei rischi per guidare le aziende ad essere strategicamente allineate ad utilizzare e sfruttare l’informatica, e le molteplici tecnologie digitali, quale importante leva di crescita e sviluppo.

 

La filosofia e la visione


La filosofia è incentrata attorno ai concetti di:
★ condivisione e discussione
★ miglioramento continuo
★ professionalità e formazione

La diffusione delle comunità locali permette di adottare un linguaggio comune ed omnicomprensivo che facilita ed ispira le decisioni strategiche in un’unica direzione coerente ed ampiamente condivisa.

La visione di itSMF è l’approccio pratico e produttivo attraverso l’assioma
Azienda ⇒ problema ⇒ confronto ⇒ soluzione ⇒ intervento

con un linguaggio semplice e diretto in grado di esprimere concetti in modo chiaro.
Questo è il futuro; la governance è il principale collante tra gli obiettivi aziendali ed il mondo digitale con le sue tecnologie, che sono il mezzo per raggiungerli.

 

Il futuro e perché affiliarsi


Negli eventi futuri itSMF presenterà il suo impegno, il percorso di tematiche che vuole intraprendere, la sua catena di valori, i più moderni strumenti e migliori pratiche, un nuovo modo di comunicare per raggiungere tutti i differenti interlocutori.
Le tematiche in programma che verranno toccate sono:

👉 Cyber Security & Compliance, GDPR e la nuova LDP

👉 Una tavola rotonda su temi che verranno proposti dalla comunità

👉 Un corso propedeutico all’ottenimento di PDU e CPE per le certificazioni PMI ed  ISACA

👉 La governance IT nell’era Cloud

👉 DevOps ed ITIL per Agile PM e team collaboration

Axelos, a cui ci ispiriamo, propone ITIL per il Service Management, Prince2 per il Project Management con una spinta sempre più al mondo Agile Project Management e Resilia per la resilienza alle minacce Cyber. Le nostre conoscenze ed esperienze sono in grado di mappare in modo funzionale le diverse metodologie di riferimento e quelle adottate come le norme ISO/IEC, ISACA, PMI, ScrumAlliance, DevOps, VeriSM, IT4IT, Lean, Kanban.}

L’affiliazione ad itSMF, che a livello mondiale raccoglie oltre 6’000 aziende e 40’000 membri, permette di accedere ad eventi e seminari gratuitamente, workshop e tavole rotonde a prezzi scontati ed usufruire di pubblicazioni e documentazione, casi di studio riservati ai soli membri, accedere alla formazione e certificazioni a condizioni vantaggiose.

ItSMF non vuole essere un semplice divulgatore di conoscenze ma un aggregatore in grado di mettere in contatto diretto professionisti ed aziende, soluzioni a problemi reali per ottenere un concreto beneficio nell’attuazione delle migliori pratiche di un governo dei servizi informatici.

Proprio il ruolo di accentratore crea le condizioni di mercato ideali per un marketing naturale e mirato attraverso il confronto su temi ed opinioni, condivisione di idee, esperienze, differenti approcci di applicazione delle metodologie. Sostenere e il consolidamento di questo gruppo territoriale di lavoro porta le aziende a proporsi in modo innovativo, a scegliere ed essere scelte quali partner ideali.

 

La catena del valore


I servizi che identificano il nostro valore sono:

🔑 La divulgazione
Attraverso la quale cerchiamo di adottiamo tutti gli strumenti di successo per trasferire la conoscenza delle migliori pratiche e dottrine nell’ambito della gestione del ciclo di vita dei servizi IT e del governo dell’IT. Siamo chiamati a farlo nel migliore dei modi e con più prospettive, sia orientate internamente allo staff IT che soprattutto ai dirigenti e responsabili aziendali e tutti coloro che hanno un ruolo decisionale all’interno delle aziende.
Divulghiamo attraverso seminari, workshop, ed i nostri canali social attraverso un’attenta ricerca di  mercato e di autorevoli proposte di partners e sponsor che ci aiutano ad individuare le soluzioni che le aziende chiedono

 

🔑 Il confronto
Il primo metodo di confronto è il nostro blog, sempre accessibile dal quale possono nascere interessanti spunti che estendono le tematiche affrontate negli eventi e creano le condizioni per trattare altre nuove ed interessanti.
Il confronto nasce sempre dall’interno della nostra comunità di professionisti, partners ed affiliati ai quali diamo la facoltà di essere protagonisti ed avanzare una qualsiasi tematica che in questo momento si affronta in azienda come p.e. ottenere uno standard di qualità, ottemperare ad una nuova compliance di settore o semplicemente l’esigenza di migliorare le performance di certi servizi per allineare le nuove esigenze aziendali.
Le tavole rotonde sono le tipologie di evento che hanno lo scopo di presentare le problematiche, scambiarsi opinioni e ed assunzioni, permettere a tutti i partecipanti di prepararsi per dare un contributo importante alla questione e trovare le giuste soluzioni che i propositori si aspettano.
Agli incontri prendono parte aziende che rappresentano oggi i maggiori settori economici locali di rilievo.

 

🔑 La consulenza
Attraverso i nostri partners e sponsor siamo in grado di seguire sul territorio le aziende che hanno l’obiettivo di ottenere una soluzione mirata alle proprie necessità.
Cerchiamo sempre di ascoltare attentamente gli interlocutori per capire al meglio i fattori ambientali ed essere poi in grado di adattare gli approcci pratici, le metodologie ed i framework/strumenti secondo gli obiettivi specifici.
Presentiamo e consigliamo strumenti di lavoro che permettono di integrare, orchestrare e semplificare l’adozione di processi IT discussi precedentemente.
Il nostro concetto di consulenza spazia dal supporto e sostegno strategico al management per allineare il comparto IT ad esso, gestire il cambiamento aziendale alle innovazioni e suggerire profili professionali e competenze in ambito itSM per le specifiche esigenze IT.
Il nostro giudizio degli esperti è competente ed imparziale per approvare e validare i vostri processi di innovazione attraverso i servizi informatici.

🔑 La formazione
Dovrebbe essere il primo tassello della catena del nostro valore ma noi lo poniamo alla fine perché gli interlocutori devono prima capire le tematiche, le sfide, gli obiettivi, la grande necessità di adottare le pratiche di IT Service Management e IT Governance, in azienda. Confrontarsi con i problemi reali e le difficoltà di supportare al meglio le aziende, essere coinvolti da consulenti esperti per giungere alla conclusione che il proprio livello di formazione va migliorato e certificato per essere allineato e meglio spendibile.
La nostra visione è quella di permettere agli affiliati e professionisti di intraprendere i canali formativi sfruttando il nostro network professionale e la competenza dei nostri partners e sponsor cerchiamo di instillare la cultura del “conoscere per saper fare” con percorsi di formazione e di certificazione in grado di coprire tutte le necessità.
Parallelamente ai corsi di formazione accreditati alle certificazioni organizziamo anche corsi e seminari avanzati per trasferire conoscenze specifiche su temi richiesti.
Identifichiamo in tutto questo un tassello importante, presente e futuro, per far crescere i professionisti e con essi le aziende.

Partecipa all'evento

La governance in Ticino: lo stato dell'arte con itSMF

Relatori

Andrea Cherubini
Master di IT Management e Governance conseguito alla SUPSI, attivo da oltre quindici anni come IT Manager, Project Manager, consulente IT senior nella conduzione e gestione dell’intero ciclo di vita dei servizi IT, docente con alcune supplenze all’attivo e mentor di Ated4kids.
Completano il profilo numerose certificazioni tra cui spiccano ITIL Intermediate, ISO 20000, ISO 27000 Lead Auditor, Prince 2 Practitioner e la nomina a membro di comitato itSMF, e responsabile per l’area italofona, in Svizzera.

Tavola rotonda sul governo dei servizi informatici
Il secondo evento di itSMF sarà una tavola rotonda il cui scopo di questa tipologia di incontro è quello di “entrare nel cuore della governance nelle aziende” senza veli attraverso case studies, evidenze oggettive di implementazione, illustrazioni di problematiche, richiesta di suggerimenti e tanto confronto diretto per potenziare i benefici e raggiungere un maggior livello di maturità.

Il focus dell’incontro, moderato da itSMF, è affrontare, in un contesto di gruppo di lavoro, le trattande, sia proposte dal moderatore che dai singoli partecipanti, i quali diventano, attraverso un approccio bottom-up, i veri protagonisti e diretti beneficiari. Questa prima occasione vuole tracciare il solco di quello che diverrà un appuntamento annuale ricorrente, e fiore all’occhiello, di itSMF.

L’obiettivo è riuscire a coinvolgere i maggiori settori del tessuto economico cantonale, ovvero pubblica amministrazione, bancario/assicurativo, farmaceutico, commercio/industria affinché si possa creare il più ampio scambio di esperienze, necessità ed esigenze, obiettivi per determinare un comune denominatore.

Presenta la tua candidatura, annuncia una tematica di IT governance e IT Service Management assieme alla tua azienda, ti aspettiamo per valutare la tua proposta ed averti tra gli attori principali del gruppo di lavoro.

Programma

15:45-16:00 Registrazione

16:00-16:15 Caffé di Benvenuto ed introduzione

16:15-17:00 Panoramica e presentazione da parte di itSMF dei temi principali di cornice:
l’importanza e la centricità del Service Catalog e com’è cambiato l’approccio
all’Incident Management nell’era DevOps
​                    Andrea Cherubini (moderatore)

17:00-17:15 Pausa caffè

17:15-19:30 Spazio per ogni partecipante, gestito dal moderatore, a presentare la propria
tematica agli altri componenti, con strumenti, domande, suggerimenti, richieste,
discussione ed attività di gruppo
partecipanti a rotazione

19:30-21:00 Cena finale

Iscrizione

CHF 75.- per i membri ed iscritti di itSMF, CHF 150.- per i non iscritti di itSMF

Numero massimo di partecipanti 8.



itSMF, la parola agli esperti ed ai protagonisti dell’IT Service Management

La prima tavola rotonda è una novità importante in ambito IT che ha ottenuto ottimi riscontri

GIUBIASCO – Si è tenuto lo scorso 12 settembre nella splendida cornice dell’Hotel la Tureta di Giubiasco la prima tavola rotonda sul tema IT Governance ed IT Service Management in Ticino, una novità importante in ambito IT che ha ottenuto ottimi riscontri.

Moderatore dell’evento il responsabile per la svizzera italiana di itSMF e membro del comitato svizzero, Andrea Cherubini. «In questo percorso iniziale sul territorio abbiamo cercato anche qualcosa di diverso a livello di location», racconta, «l’idea di un punto di incontro territorialmente centrale sì, ma che fosse in grado di dare lustro al sopraceneri ci “intrigava” molto, anche per premiare l’appartenenza territoriale di eccellenze aziendali che hanno sin dall’inizio aderito con molto interesse ed entusiasmo alla nostra iniziativa».

Diverse aziende radicate sul territorio, e anche di respiro internazionale, si sono trovate attorno al tavolo tecnico per parlare di governance, processi e qualità dei servizi IT attraverso un confronto molto diretto: cura ed ospedaliero, farmaceutico, comunicazione e contenuti digitali, formazione, hanno mostrato interesse a confrontarsi e ad essere confrontati. «C’è oggettivamente soddisfazione, non ci aspettavamo per questo primo evento di raggiungere il quorum minimo di presenze con facilità, sia perché il tema della governance è inevitabilmente considerato di nicchia, sia perché la gestione di una tavola rotonda su questi temi è una novità».

La qualità dell’evento, dai contenuti all’organizzazione all’intrattenimento, è stata molto apprezzata dai partecipanti i quali si sono adoperati a dare un loro riscontro, con giudizi molto alti, nel successivo sondaggio di valutazione in un numero statisticamente importante in rapporto all’afflusso.

L’organizzazione ha proposto due temi come leit motiv: “l’importanza strategica del Service Catalogue” e la “gestione dell’incident management nell’era DevOps”, ai quali i partecipanti potevano contribuire a proprio piacimento, dando la facoltà a sua volta ad ogni azienda partecipante di portare un proprio tema a lei caro e di impostare il tipo di feedback dagli altri membri come aspettativa. Questo ha funzionato molto bene creando quell’ambiente di coinvolgimento attivo da cui sono emersi interessanti spunti di confronto: il fatto di aver sforato i tempi della scaletta va letto indubbiamente come un ottimo indicatore.

Ma itSMF non vuole assolutamente indossare il marchio di movimento IT “elitario” tanto meno ricercato, piuttosto adoperarsi con impegno e senso pratico ad “esportare” la consapevolezza all’intero comparto IT territoriale a tutti i livelli, con un occhio molto attento al management aziendale con il quale l’IT deve confrontarsi, allinearsi e quindi parlare sempre più la stessa lingua. Questo concetto vale per ogni azienda di ogni dimensione e settore merceologico.

C’è bisogno di IT governance ovunque, per evitare al mondo IT e quello di business di correre su binari paralleli con diverse velocità. Solo con l’intersezione il business può essere trascinato nel digitale attraverso l’IT; la governance ed itSMF sono qui per questo.

Insomma tempo per conquistare e coinvolgere anche gli indecisi e gli iniziali resistenti alle novità c’è tutto. Unico grande assente iniziale il settore bancario, in parte scusato perché ancora impegnato in una fase delicata di riassetto con molte pressioni interne ed esterne. «A dire il vero», spiega Cherubini, «eravamo in contatto con un istituto che solo all’ultimo ha optato per non presenziare. Se questo evento è riuscito molto bene un grazie va in particolare ad Ated, associazione con la quale vediamo un futuro ricco di successi e di collaborazioni».

Nello stesso periodo si è tenuta a Berna la riunione annuale di comitato itSMF che ha rinnovato la collaborazione con Ated, dato maggior peso e slancio alla figura locale ed all’importanza, in seno al comitato, del nostro territorio. Dopo un periodo di appannamento dovuto vieppiù alla perdita di interesse verso la tematica poiché nel corso degli anni non più trendy, come spesso accade nel mondo in costante fermento dell’IT, l’associazione ha tutta la voglia di rilanciarsi con forza e slancio nel territorio svizzero come in Ticino, facendo leva proprio sulla consolidata maturità delle tematiche.

Per questo motivo le attività principali in questa parte finale dell’anno si prendono una pausa rigenerativa per dare spazio al restyling totale del sito e del concetto di comunicazione per essere attualizzato, in questo contesto si colloca il rilancio a livello di marketing e di partenariato.

Il prossimo evento si terrà nei primi mesi del 2018, vi aspettiamo numerosi e vi auguriamo con anticipo una buona fine d’anno!

Il comitato itSMF per la svizzera italiana, Andrea Cherubini (link alla mia mail andrea.cherubini@itsmf.ch)



itSMF, buona la prima. Si lavora già per concretizzare gli obiettivi

C’è ottimismo dopo il primo evento organizzato in Ticino dal forum globale sulla IT Governance

LUGANO – C’è ottimismo dopo il primo evento di itSMF, il forum globale sulla IT Governance che per la prima volta si affaccia in Canton Ticino forte di seimila aziende, 40 mila iscritti e 50 “capitoli” nazionali attivi. Andrea Cherubini, che di itSMF è responsabile per la Svizzera italiana, è soddisfatto: «All’inizio ci aspettavamo un afflusso moderato, siamo riusciti a coinvolgere quasi tutti i principali settori del tessuto economico locale, sapendo dei tempi diversi di reazione; abbiamo comunicato in modo diretto e trasparente ciò a cui teniamo di più: i vantaggi concreti delle aziende nell’adozione delle migliori pratiche di ITIL per disegnare un modello su misura al fine di ottenere un alto livello di servizi informatici».

Gli obiettivi del forum, attivo in Svizzera dal 1998, sono la creazione delle relazioni, della cultura e la divulgazione della formazione di base, il confronto diretto tra le varie aziende. Per questo scopo si terranno a livello cantonale almeno 3 eventi l’anno: «La nostra idea», spiega Cherubini, «è organizzare conferenze tematiche e tavole rotonde, eventi moderati anche a numero chiuso o con partecipazione ad invito, per mettere a proprio agio le aziende a confrontarsi su aspetti reali per misurare i risultati sia per l’IT che per l’azienda».

itSMF può contare su una base di documentazione e conoscenze attraverso una rete di professionisti esperti qualificati e certificati per attività di coach mirate. Durante l’evento del 28 marzo, nel corso dell’intervento introduttivo è stato spiegato come «gli errori del passato di affrontare questi temi ad un livello troppo accademico e teorico sono stati di insegnamento per trasmettere alle aziende una percezione del vero valore aggiunto. La nostra associazione è consapevole di lavorare in un contesto territoriale di gap culturale e risorse limitate».

Cosa scopriranno, dunque, le aziende dagli incontri futuri? Che gestire in modo più controllato i processi informatici, permette di intervenire sulla spesa in modo mirato con un maggior valore aggiunto attraverso una misurazione costante delle performance in un ciclo di miglioramento continuo per raggiungere il proprio livello di maturità.

Questo concetto costituisce anche un’enorme opportunità per diminuire in modo proattivo il rischio di cyber attacchi che in Ticino hanno colpito le aziende con numeri importanti.

Uno degli effetti tangibili delle pratiche promosse da itSMF è saper rispondere anche alle esigenze di cyber security, ecco perché l’esordio è avvenuto in partnership con SecurityLab.

«L’obiezione più ricorrente è la frase: “a me non serve”, “lo sto già facendo” ma una graduale implementazione delle migliori pratiche di governo IT è la miglior risposta per dimostrare i benefici e vantaggi: dalla riduzione dei costi alla maggiore trasparenza e qualità fornita ai clienti, dalla maggiore concretezza nel proporre servizi utili e performanti alla capacità di accorciare significativamente i tempi di implementazione di un sistema integrato di sicurezza, che permette agli utenti di trovare ciò che richiedono da chi gestisce i loro dati».

A questo link sono pubblicate le presentazioni della serata e nella nostra pagina Facebook tutte le immagini dell’evento.

Persona di contatto per la sezione Ticino il signor Andrea Cherubini